LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2021-2027

Il Consiglio Regionale, con deliberazione del 15 febbraio 2022, n. 16, ha approvato, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge regionale 25 novembre 2011, n. 26, la proposta di Programma Regionale FESR 2021-2027 e la proposta di Programma Regionale FSE+ 2021-2027 della Regione del Veneto, ai sensi del Regolamento (UE) n. 1060/2021.

L'effettiva operatività e attivazione dei Programmi è subordinata comunque all'approvazione degli stessi da parte della Commissione europea. La procedura prevede che l'approvazione dei Programmi intervenga entro cinque mesi dall'invio delle proposte alla Commissione.

 

PR FESR 2021-2027

Con il Programma Regionale Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (PR FESR) la Regione del Veneto intende investire per contribuire al perseguimento di alcuni obiettivi fondamentali e strategici, stabiliti a livello dell'Unione Europea:

  • Un'Europa più competitiva e intelligente attraverso la promozione di una trasformazione economica innovativa e intelligente e della connettività regionale alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC);
  • Un'Europa resiliente, più verde e a basse emissioni di carbonio ma in transizione verso un'economia a zero emissioni nette di carbonio attraverso la promozione di una transizione verso un'energia pulita ed equa, di investimenti verdi e blu, dell'economia circolare, dell'adattamento ai cambiamenti climatici e della loro mitigazione, della gestione e prevenzione dei rischi nonché della mobilità urbana sostenibile;
  • Un'Europa più sociale e inclusiva attraverso l'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali;
  • Un'Europa più vicina ai cittadini attraverso la promozione dello sviluppo sostenibile e integrato di tutti i tipi di territorio e delle iniziative locali nelle aree urbane, rurali e costiere mediante iniziative locali.

Con le risorse del PR FESR 2021-2027 intendiamo focalizzarci sulle sfide che devono essere affrontate dalle Regioni in tutta Europa con riguardo agli ambiti di intervento che includono, tra l'altro: ricerca e innovazione; sostegno alle PMI e investimenti per l'occupazione; contributo alla transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio; sostegno alle reti digitali, energetiche e di trasporto; istruzione e infrastrutture sociali; finanziamenti per lo sviluppo urbano sostenibile.

Il PR FESR 2021-2027 della Regione del Veneto prevede cinque priorità, che corrispondono ai quattro obiettivi strategici sopracitati, in cui il secondo obiettivo è stato suddiviso in due priorità: Un'Europa più verde e a basse emissioni di carbonio e Un'Europa più connessa attraverso il rafforzamento della mobilità urbana sostenibile; l'investimento complessivo del Programma ammonta a oltre un miliardo di euro, con un considerevole aumento rispetto al Programma FESR 2014-2020, il cui volume finanziario complessivo si aggirava attorno a 600 milioni di euro.

 

Le risorse sono suddivise tra le priorità selezionate, come riportato nel grafico:

Fonte: Regione del Veneto – Direzione Programmazione Unitaria

 

 

PR FSE 2021-2027

Con il Programma Regionale Fondo Sociale Europeo Plus (PR FSE+) la Regione del Veneto intende investire su alcune priorità fondamentali per il territorio regionale: l'occupazione, l'istruzione e la formazione, l'inclusione sociale, l'occupazione dei giovani.

Con le risorse del PR FSE+ intendiamo favorire l'accesso all'occupazione per tutte le persone che cercano un lavoro, la partecipazione equilibrata al mercato del lavoro per donne e uomini, la parità di condizioni di lavoro e la possibilità di conciliare lavoro e vita privata, l'adattamento ai cambiamenti dei lavoratori, anche autonomi, dei liberi professionisti e degli imprenditori e l'acquisizione di competenze fondamentali per il   Veneto di domani, migliorando la capacità dei sistemi di istruzione e di formazione di rispondere ai bisogni del mercato e aumentare le opportunità di occupazione delle persone.

Nel PR FSE+ abbiamo deciso di incrementare notevolmente la partecipazione delle donne al mercato del lavoro al punto da triplicare le risorse dedicate rispetto al ciclo 2014-2020.

Intendiamo aumentare la nostra capacità non solo di competere sui mercati ma anche di includere le persone più fragili, misurando i risultati del nostro lavoro per migliorare i servizi e semplificare gli strumenti regionali di intervento.

Il Programma della Regione del Veneto prevede quattro priorità: Occupazione, Istruzione e Formazione, Inclusione Sociale e Occupazione Giovanile, con un investimento complessivo di oltre un miliardo di euro.

 

Le risorse sono suddivise tra le priorità selezionate, come riportato nel grafico:

Fonte: Regione del Veneto – Direzione Autorità di Gestione FSE

 

 

COFINANZIAMENTO REGIONALE

Al fine di realizzare tali iniziative, i fondi messi a disposizione dall'Unione Europea sono integrati anche da risorse nazionali e regionali.

Rispetto al periodo 2014-2020, il tasso di cofinanziamento UE si è ridotto passando dal 50% al 40%, di conseguenza è aumentato quello nazionale e regionale: il cofinanziamento statale è pari al 42% del valore complessivo del PR, mentre il cofinanziamento regionale è pari al 18%.

A fronte dell'aumento dell'impegno da parte della Regione, con il Bilancio di previsione 2022-2024 gli stanziamenti relativi alla quota regionale previsti per il triennio sono stati incrementati di 10 milioni di euro rispetto al Bilancio 2021-2023, passando quindi dai 65 milioni annui degli ultimi 5 anni a circa 75 milioni per i prossimi tre anni.